Controversies in Genitourinary Tumors
Alleanza Mediterranea Oncologica in Rete
Tumore Vescica
Tumore prostata

Confronto tra agonisti dell’ormone rilasciante la gonadotropina e orchiectomia: effetto della terapia di deprivazione androgenica


La terapia di deprivazione androgenica ( ADT ) attraverso la castrazione chirurgica è efficace quanto la castrazione medica nel controllo del tumore della prostata.
Tuttavia, non sono mai stati messi a confronto i profili degli effetti negativi di entrambi i gruppi trattati con terapia di deprivazione androgenica.

È stata effettuata un'analisi comparativa dell'efficacia degli effetti negativi degli agonisti dell'ormone di rilascio della gonadotropina ( GnRHa ) rispetto alla orchiectomia bilaterale in una popolazione omogenea.

Una coorte basata sulla popolazione di 3.295 uomini con tumore alla prostata metastatico tra il 1995 e il 2009 o più anziani di 66 anni è stata selezionata dal database Medicare Surveillance, Epidemiology, and End Results ( SEER ).

Nel complesso, 3.295 uomini con una diagnosi primaria di cancro alla prostata metastatico trattati con GnRHa oppure sottoposti a orchiectomia sono stati individuati tra gli anni 1995 e 2009 e, in analisi aggiustate, i pazienti che hanno ricevuto una orchiectomia bilaterale hanno presentato un rischio significativamente più basso di andare incontro a fratture ( hazard ratio. HR=0.77; P=0.01 ), malattia arteriosa periferica ( HR=0.65; P=0.004 ) e complicanze cardiache ( HR=0.74; P=0.01 ) rispetto ai pazienti trattati con agonisti dell’ormone rilasciante la gonadotropina.

Nessuna differenza statisticamente significativa è stata osservata tra orchiectomia e agonisti dell’ormone di rilascio della gonadotropina per il diabete mellito e i disturbi cognitivi.

Nei soggetti trattati con GnRHa per 35 mesi o più, è stato notato un aumento del rischio per GnRHa rispetto a orchiectomia per fratture ( HR=1.80 ), malattia arteriosa periferica ( HR=2.25 ), tromboembolismo venoso ( HR=1.52 ), complicanze cardiache ( HR=1.69 ) e diabete mellito ( HR=1.88 ) ( P minore o uguale a 0.01 per tutti ).

12 mesi dopo la diagnosi di tumore alla prostata, la spesa totale mediana non è risultata significativamente differente tra l’agonista dell’ormone di rilascio della gonadotropina e l’orchiectomia.

In conclusione, la terapia con agonista dell'ormone di rilascio della gonadotropina è associata a rischi più elevati di diversi effetti avversi clinicamente rilevanti rispetto alla orchiectomia. ( Xagena2016 )

Sun M et al, JAMA Oncol 2016; 2: 500-507

Onco2016 Uro2016 Chiru2016 Farma2016


Indietro