Tumore prostata
Tumore rene
Xagena Mappa
Tumore prostata

Beneficio nel tumore alla prostata metastatico ormono-sensibile da Docetaxel


L'aggiunta di Docetaxel ( Taxotere ) alla terapia di deprivazione androgenica ( ADT ) migliora la sopravvivenza nei pazienti con tumore prostatico metastatico ormono-sensibile, ma permane incertezza su chi ne trarrà maggiori benefici.

Sono state ottenute stime aggiornate degli effetti complessivi del Docetaxel e si è valutato se questi effetti variassero in base alle caratteristiche prespecificate dei pazienti o dei loro tumori.

La collaborazione STOPCAP M1 ha condotto una revisione sistematica e una meta-analisi dei dati dei singoli partecipanti.
Sono state effettuate ricerche per identificare studi randomizzati ammissibili che hanno valutato Docetaxel più terapia di deprivazione androgenica rispetto alla sola terapia di deprivazione androgenica nei pazienti con tumore prostatico metastatico ormono-sensibile.

L’esito primario era la sopravvivenza globale. Gli esiti secondari erano la sopravvivenza libera da progressione e la sopravvivenza libera da fallimento.
Gli effetti complessivi aggregati sono stati stimati utilizzando una meta-analisi aggiustata, per intention-to-treat ( ITT ), a due fasi, con effetti fissi, con analisi di sensibilità a una fase e a effetti casuali.

Le differenze negli effetti in base alle caratteristiche dei partecipanti sono state stimate utilizzando una meta-analisi aggiustata a due stadi, a effetti fissi, delle interazioni all'interno dello studio sulla base della sopravvivenza libera da progressione per massimizzare la potenza.

I modificatori degli effetti identificati sono stati valutati anche sulla base della sopravvivenza globale.

Sono stati ottenuti i dati dei singoli partecipanti da 2.261 pazienti ( 98% di quelli randomizzati ) da 3 studi ammissibili ( studi GETUG-AFU15, CHAARTED e STAMPEDE ), con un follow-up mediano di 72 mesi.
I dati dei singoli partecipanti non sono stati ottenuti da due ulteriori piccoli studi.

Sulla base di tutti gli studi e i pazienti inclusi, ci sono stati chiari benefici di Docetaxel sulla sopravvivenza globale ( hazard ratio, HR 0.79; P minore di 0.0001 ), sopravvivenza libera da progressione ( 0.70; P minore di 0.0001 ) e sopravvivenza senza fallimento ( 0.64; P minore di 0.0001 ), che rappresentano miglioramenti assoluti a 5 anni di circa il 9-11%.

Il rischio complessivo di bias è stato valutato basso e non sono emerse prove evidenti di differenze negli effetti tra gli studi per tutti e tre gli esiti principali.

L’effetto relativo di Docetaxel sulla sopravvivenza libera da progressione è sembrato essere maggiore con l’aumento dello stadio T clinico ( P per interazione=0.0019 ), volume più elevato di metastasi ( P per interazione=0.020 ) e, in misura minore, diagnosi sincrona di malattia metastatica ( P per interazione=0.077 ).

Tenendo conto delle altre interazioni, l’effetto di Docetaxel è stato modificato in modo indipendente dal volume e dallo stadio T clinico, ma non dalle tempistiche.

Non c’erano prove evidenti che Docetaxel migliorasse gli effetti assoluti a 5 anni per i pazienti con malattia metacrona a basso volume ( -1% per la sopravvivenza libera da progressione; 0% per la sopravvivenza globale).

Il miglioramento assoluto maggiore a 5 anni è stato osservato nei soggetti con malattia in stadio clinico T 4, ad alto volume ( 27% per la sopravvivenza libera da progressione; 35% per la sopravvivenza globale ).

L’aggiunta di Docetaxel alla terapia ormonale è più adatta ai pazienti con prognosi sfavorevole per tumore alla prostata metastatico, sensibile agli ormoni, a causa di un volume elevato di malattia e potenzialmente della voluminosità del tumore primario.

Non vi è alcuna evidenza di beneficio significativo per i pazienti con malattia metacrona a basso volume che dovrebbero pertanto essere gestiti diversamente.

Questi risultati caratterizzeranno meglio i pazienti che hanno maggiori e, soprattutto, minori probabilità di trarre beneficio dal Docetaxel, modificando potenzialmente la pratica internazionale, guidando il processo decisionale clinico, informando meglio la politica di trattamento e migliorando gli esiti per i pazienti. ( Xagena2023 )

Vale CL et al, Lancet Oncology 2023; 24: 783-797

Uro2023 Onco2023 Farma2023



Indietro