Tumore rene
Tumore Vescica
Genitourinary Cancars Symposium
EAU17

Carcinoma a cellule renali avanzato: esiti basati sull'età nello studio di fase III METEOR di Cabozantinib versus Everolimus


Cabozantinib ( Cabometyx ) ha migliorato la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), la sopravvivenza globale ( OS ) e il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) rispetto a Everolimus ( Afinitor ) nei pazienti con carcinoma a cellule renali ( RCC ) in fase avanzata dopo una precedente terapia antiangiogenica nello studio di fase III METEOR.
Sono disponibili dati limitati sull'uso di terapie mirate nei pazienti più anziani con carcinoma a cellule renali avanzato.

L'efficacia e la sicurezza in METEOR sono state analizzate in modo retrospettivo per tre sottogruppi di età: meno di 65 ( n = 394 ), 65–74 ( n = 201 ) e 75 anni o più ( n = 63 ).

La sopravvivenza libera da progressione, la sopravvivenza globale e il tasso di risposta obiettiva sono risultati migliorati con Cabozantinib rispetto a Everolimus in tutti i sottogruppi di età.

Gli hazard ratio ( HR ) di PFS erano 0.53 ( intervallo di confidenza al 95% [ IC ]: 0.41-0.68 ), 0.53 ( IC al 95%: 0.37-0.77 ) e 0.38 ( IC al 95%: 0.18-0.79 ), rispettivamente, per meno di 65 anni, 65–74, e 75 anni o più, e gli hazard ratio di OS erano 0.72 ( IC 95%: 0.54-0.95 ), 0.66 ( IC 95%: 0.44-0.99 ) e 0.57 ( IC 95%: 0.28–1.14 ).

Il tasso di risposta obiettiva per Cabozantinib versus Everolimus è stato rispettivamente del 15% vs 5%, 21% vs 2% e 19% vs 0%.

Non sono state osservate differenze significative nella sopravvivenza libera da progressione o sopravvivenza globale con l'età come variabile categorica o continua.

Gli eventi avversi di grado III-IV erano generalmente coerenti tra i sottogruppi, sebbene affaticamento, ipertensione e iponatriemia si verificassero più frequentemente nei pazienti più anziani trattati con Cabozantinib.
Le riduzioni della dose per la gestione degli effetti avversi sono state più frequenti nei pazienti trattati con Cabozantinib rispetto a quelli che hanno ricevuto Everolimus.
La riduzione della dose e l'interruzione del trattamento a causa di effetti avversi erano più frequenti nei pazienti più anziani in entrambi i gruppi di trattamento.

In conclusione, Cabozantinib ha migliorato la sopravvivenza libera da progressione, la sopravvivenza globale e il tasso di risposta obiettiva rispetto a Everolimus nei pazienti precedentemente trattati con carcinoma a cellule renali avanzato, indipendentemente dalla fascia di età, supportando l'uso in tutte le categorie di età.
La modifica proattiva della dose e la terapia di supporto possono aiutare a mitigare gli effetti avversi nei pazienti più anziani mantenendo l'efficacia. ( Xagena2020 )

Donskov F et al, Eur J Cancer 2020; 126: 1–10

Nefro2020 Uro2020 Onco2020 Farma2020


Indietro