Genitourinary Cancars Symposium
Tumore Vescica
Tumore rene
Tumore prostata

Complicanze tromboemboliche nei pazienti sottoposti a prostatectomia radicale con o senza dissezione linfonodale


La dissezione linfonodale nei pazienti con carcinoma della prostata può aumentare le complicanze.
È stata ipotizzata un'associazione tra dissezione linfonodale ed eventi tromboembolici.

È stata confrontata l'incidenza e sono stati studiati i predittori di trombosi venosa profonda ed embolia polmonare tra le altre complicazioni in pazienti che hanno o non hanno subito dissezione linfonodale durante prostatectomia radicale laparoscopica aperta e robot-assistita.

Sono stati inclusi nello studio 3.544 pazienti tra il 2008 e il 2011.
La coorte è stata derivata da LAPPRO, uno studio controllato prospettico multicentrico.
I dati sugli eventi avversi sono stati estratti da questionari compilati dai pazienti.

L’esito primario dello studio era la prevalenza di trombosi venosa profonda e/o embolia polmonare.
Gli esiti secondari erano altri tipi di eventi avversi a 90 giorni e le cause di riammissione ospedaliera.

La dissezione linfonodale è stata eseguita in 547 pazienti ( 15.4% ) ed è stata associata a un rischio 8 volte e 6 volte maggiore di eventi di trombosi venosa profonda ed embolia polmonare rispetto ai pazienti senza dissezione linfonodale ( RR=7.80 e 6.29, rispettivamente ).

I fattori predittivi di eventi tromboembolici hanno incluso storia di trombosi, stadio pT4 e punteggio Gleason di 8 o superiore.

La prostatectomia radicale a cielo aperto e la dissezione linfonodale erano associate a un più alto rischio di trombosi venosa profonda e/o embolia polmonare rispetto alla prostatectomia radicale laparoscopica robot-assistita ( RR=12.67 vs 7.52 ).

Nei pazienti senza dissezione linfonodale, la prostatectomia radicale aperta ha aumentato il rischio tromboembolico di 3.8 volte rispetto alla prostatectomia radicale laparoscopica robot-assistita.

La dissezione linfonodale ha indotto più eventi di danno, respiratori, cardiovascolari e neuromusculoscheletrici.
Ha anche causato più ricoveri rispetto a nessuna dissezione linfonodale ( 14.6% vs 6.3% ).

In conclusione, tra gli altri eventi avversi si è scoperto che la dissezione dei linfonodi durante la prostatectomia radicale ha aumentato l'incidenza di trombosi venosa profonda ed embolia polmonare.
La chirurgia a cielo aperto ha aumentato i rischi in misura maggiore rispetto alla chirurgia robot-assistita. Questo era più evidente nei pazienti che non sono stati trattati con dissezione linfonodale. ( Xagena2015 )

Tyritzis SI et al, J Urology 2015; 193: 117-125

Uro2015 Cardio2016 Emo2015



Indietro