Tumore prostata
Tumore Vescica
Tumore prostata
Tumore Vescica

Declino profondo, rapido e duraturo dell'antigene prostatico specifico con Apalutamide più terapia di deprivazione androgenica associato a più lunga sopravvivenza e a migliori esiti clinici nel tumore alla prostata metastatico sensibile alla castrazi


La prima analisi ad interim dello studio multinazionale di fase III, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo TITAN ha dimostrato un miglioramento della sopravvivenza globale ( OS ) e della sopravvivenza libera da progressione radiografica ( rPFS ) con Apalutamide ( Erleada ) aggiunto alla terapia di deprivazione androgenica ( ADT ) in corso in pazienti con tumore alla prostata metastatico sensibile alla castrazione.

L’analisi finale dello studio ha confermato il miglioramento della sopravvivenza globale e di altri risultati a lungo termine.
È stata valutata la cinetica dell'antigene prostatico specifico ( PSA ) e l'associazione tra declino del PSA ed esiti nei pazienti con tumore alla prostata metastatico sensibile alla castrazione dallo studio TITAN.
I pazienti hanno ricevuto Apalutamide 240 mg/die oppure placebo più terapia di deprivazione androgenica.

Questa analisi esplorativa post hoc ha valutato la cinetica e il declino del PSA in relazione alla sopravvivenza libera da progressione radiografica ( follow-up di 22.7 mesi ) e alla sopravvivenza globale, tempo alla progressione del PSA e tempo alla resistenza alla castrazione ( follow-up a 44.0 mesi ) nei pazienti con o senza declino confermato di PSA utilizzando un’analisi di riferimento, il metodo Kaplan-Meier e il modello dei rischi proporzionali di Cox.
Sono stati arruolati 1052 pazienti ( Apalutamide, 525; placebo, 527 ).

I migliori cali confermati del PSA ( uguale o superiore al 50% o uguale o superiore al 90% rispetto al basale o fino a 0.2 ng/ml o valore inferiore ) sono stati raggiunti in qualsiasi momento durante lo studio nel 90%, 73% e 68% dei pazienti trattati con Apalutamide rispetto al 55%, 29% e il 32% dei pazienti trattati con placebo, rispettivamente.

Dopo 3 mesi di trattamento con Apalutamide, il miglior calo profondo del PSA pari al 90% o superiore o a 0.2 ng/ml o inferiore si è verificato rispettivamente nel 59% e 51% dei pazienti trattati con Apalutamide e nel 13% e 18% dei pazienti trattati con placebo.

Il raggiungimento di un profondo calo del PSA dopo 3 mesi di trattamento con Apalutamide è stato associato a più lunga sopravvivenza globale ( hazard ratio, HR 0.35 ), sopravvivenza libera da progressione radiografica ( HR 0.44 ), più lungo tempo alla progressione del PSA ( HR 0.31 ) e tempo alla resistenza alla castrazione ( HR 0.38 ) rispetto a nessun calo ( P minore di 0.0001 per tutti ).

Risultati simili sono stati osservati ai punti di riferimento 6 e 12 mesi di trattamento con Apalutamide.

Apalutamide più terapia di deprivazione androgenica ha dimostrato un declino robusto ( rapido, profondo e duraturo ) del PSA, associato a migliori esiti clinici, inclusa la sopravvivenza a lungo termine. ( Xagena2023 )

Chowdhury S et al, Ann Oncol 2023; 34: 477-485

Uro2023 Onco2023 Farma2023



Indietro