Tumore prostata
Tumore Vescica
Genitourinary Cancars Symposium
EAU17

Effetti avversi a lungo termine dopo trattamento del cancro alla prostata


La maggioranza dei sopravvissuti a cancro alla prostata ha riportato effetti avversi a lungo termine correlati al trattamento chirurgico o radioterapico. Circa il 70% dei 2500 intervistati ha segnalato effetti collaterali, alcuni a distanza superiore a 15 anni dal trattamento primario.
I sintomi più comunemente riportati coinvolgevano la funzione sessuale e urinaria, ma una parte sostanziale degli uomini ha avuto anche problemi legati alla funzione intestinale e a una ridotta vitalità.

La maggior parte dei pazienti affetti da tumore alla prostata incontra una serie di problemi fisici e psicologici dopo il trattamento primario.
Gli studi di sopravvivenza hanno generalmente seguito i pazienti per 2-5 anni. Tuttavia, la diagnosi precoce e i trattamenti moderni hanno trasformato gli esiti clinici per il cancro alla prostata, tanto che molti uomini possono avere una lunga aspettativa di vita dopo il trattamento.

Negli Stati Uniti, quasi il 100% degli uomini con diagnosi locale sopravvive per almeno 5 anni dopo la diagnosi e oltre il 90% degli uomini sopravvive almeno 10 anni.

Nel tentativo di determinare lo stato attuale delle esperienze post-diagnosi, è stato avviato uno studio ( Michigan Prostate Cancer Survivors Study ) per descrivere e quantificare i sintomi a lungo termine riportati dagli uomini a seguito del trattamento del cancro alla prostata.

Lo studio ha incluso i dati raccolti su circa 2500 uomini con diagnosi di tumore alla prostata tra gli anni 1985-2004, e che erano in vita alla fine del 2005.

Gli uomini di 75 anni o più anziani rappresentavano il 53% dei partecipanti allo studio, seguiti dalle fasce di età 65-74 ( 33.3% ) e 64 o più giovani ( 13.8% ).
Tre quarti dei partecipanti erano di razza bianca mentre il 19% era rappresentato da afroamericani.

L’11.1% degli uomini aveva avuto diagnosi di tumore prostatico da meno di 5 anni, il 40.9% tra 5 e 9 anni, il 28.8% tra 10 e 14 anni, e il 19.3% oltre i 15 anni.

Il 67.5% degli uomini era stato sottoposto a prostatectomia radicale, tra cui il 55.1% aveva avuto come unico trattamento quello chirurgico.
Un terzo degli uomini aveva ricevuto radioterapia a fasci esterni, il 20% terapia ormonale e il 10% era stato sottoposto a qualche forma di radioterapia interna.
Circa il 70% degli uomini aveva ricevuto solo una tipologia di terapia.

Ai partecipanti allo studio è stato chiesto di descrivere i sintomi che avevano presentato nelle quattro settimane precedenti all'indagine.

Tra coloro che hanno riportato sintomi post-trattamento, i più comuni riscontri rientravano in 4 categorie: urinaria, intestinale, sessuale e relativa alla vitalità.
Per ogni categoria, la percentuale di uomini che avevano segnalato i sintomi è stata la seguente: sessuale 89.6%, urinaria 69.9%, intestinale 44.8%, vitalità 45%.

La proporzione di uomini che hanno riferito solo un sintomo di una categoria variava dal 7.5% per la funzione sessuale, al 30.6% per la funzione urinaria.

I problemi sessuali sono stati di gran lunga i più comuni, con la maggioranza degli uomini ( 50.3% ) che ha segnalato 4 problemi legati alla funzione sessuale, e un ulteriore 24.1% che ha riferito 3 sintomi in quell'ambito.

I sintomi includevano scarsa o assente erezione ( segnalato dal 55 all’85% ), erezione non-affidabile ( segnalato dal 54 all’87% ) e difficoltà a mantenere l'erezione ( segnalato dal 61 all’89% ).

La percentuale di uomini che non hanno riferito sintomi sessuali variava dal 4% degli uomini dai 75 anni in su al 30.6% degli uomini di età inferiore ai 65 anni.

L'analisi dei sintomi specifici per tipo di terapia ed età ha mostrato che dopo la prostatectomia una maggioranza di uomini ( dal 52 al 60% ) con sintomi urinari ha segnalato perdita di urina, senza distinzione di età, e il 37-50% ha segnalato problemi relativi alla frequenza della minzione.

Tra i soggetti con problemi intestinali, l'urgenza alla defecazione era il sintomo più comunemente riportato ( dal 25 al 37% ).

Per quanto riguarda la vitalità, il 26-33% degli uomini ha riportato mancanza di energia.
La maggioranza degli uomini in tutte le fasce di età non ha riferito problemi di vitalità.

Sostanzialmente meno uomini sottoposti solo a radioterapia esterna hanno risposto alle domande su sintomi specifici. I sintomi sessuali sono stati comunque predominanti, con un 56-90% degli uomini in ogni fascia di età che hanno segnalato problemi con la frequenza, l'affidabilità e la qualità delle erezioni.
Tra i sintomi urinari, la frequenza è stata riportata dalla maggioranza degli uomini in tutte le età.
Pochi uomini hanno riferito sintomi intestinali o alterazioni della vitalità.

Per ciascuna delle 4 categorie di sintomi principali, è stato chiesto agli uomini di valutare la gravità dei loro problemi, con una scala che andava da nessun problema a grave problema. Circa il 46% degli uomini ha valutato i sintomi sessuali come problemi da moderati a gravi, seguiti da sintomi relativi alla vitalità ( 24% ), sintomi urinari ( 20% ) e intestinali ( 14% ). ( Xagena2011 )

Fonte: American Association for Cancer Research's Frontiers in Cancer Prevention Research ( AACR-FCPR ) Conference, 2011


Onco2011 Uro2011


Indietro