Tumore rene
Tumore prostata
EAU17
Tumore Vescica

Effetto della chemioterapia con Docetaxel con soppressione degli androgeni e radioterapia per tumore alla prostata localizzato ad alto rischio


La radioterapia ( RT ) più la soppressione androgenica ( AS ) a lungo termine sono un'opzione di trattamento standard per i pazienti con tumore prostatico localizzato ad alto rischio.
Si è ipotizzato che la chemioterapia ( CT ) con Docetaxel possa migliorare la sopravvivenza generale ( OS) e gli esiti clinici tra i pazienti con carcinoma alla prostata ad alto rischio.

Lo studio multicentrico randomizzato NRG Oncology RTOG 0521 ha arruolato pazienti con malattia non-metastatica ad alto rischio tra il 2005 e il 2009.
I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere soppressione androgenica standard a lungo termine più radioterapia con o senza chemioterapia adiuvante.

In totale sono stati arruolati 612 pazienti; 563 erano valutabili. L'antigene specifico della prostata [ PSA ] mediano era pari a 15.1 ng/ml; il 53% aveva un punteggio Gleason di tumore da 9 a 10; il 27% aveva una malattia da cT3 a cT4.

Il follow-up mediano è stato di 5.7 anni.

Il trattamento è stato ben tollerato in entrambi i bracci.

Il tasso di sopravvivenza globale a 4 anni è stato dell'89% per soppressione androgenica + radioterapia e del 93% per soppressione androgenica + radioterapia + chemioterapia ( hazard ratio HR, 0.69, P unilaterale=0.034 ).

Ci sono stati 59 decessi nel braccio AS + RT e 43 nel braccio AS + RT + CT, con un minor numero di decessi dovuti al tumore alla prostata nel braccio AS + RT + CT rispetto a AS + RT ( 23 vs 16 morti, rispettivamente ).

La percentuale a 6 anni di metastasi a distanza è stata del 14% per AS + RT e del 9.1% per AS + RT + CT, ( HR, 0.60, P bilaterale=0.044 ).

La percentuale di sopravvivenza libera da malattia a 6 anni è stata del 55% per AS + RT e del 65% per AS + RT + CT ( HR, 0.76, P bilaterale=0.043 ).

Per i pazienti con tumore prostatico non-metastatico ad alto rischio, la chemioterapia con Docetaxel ha migliorato la sopravvivenza globale dall'89% al 93% a 4 anni, con una migliore sopravvivenza libera da malattia ( DFS ) e una riduzione del tasso di metastasi a distanza.
Lo studio ha mostrato che la chemioterapia con Docetaxel può essere una opzione da discutere per i pazienti selezionati con cancro prostatico ad alto rischio. ( Xagena2019 )

Rosenthal SA et al, J Clin Oncol 2019; 37: 1159-1168

Onco2019 Uro2019 Farma2019


Indietro