Tumore Vescica
Tumore rene
EAU17
Tumore Vescica

Enzalutamide migliora la sopravvivenza globale per il carcinoma alla prostata metastatico sensibile agli ormoni


Lo studio di fase 3, ENZAMET, ha dimostrato che Enzalutamide ( Xtandi ) impiegato in combinazione con la terapia standard ha significativamente migliorato la sopravvivenza globale rispetto ad altri antiandrogeni non-steroidei per gli uomini con carcinoma prostatico sensibile-agli-ormoni, in fase metastatica.

E' stato ipotizzato che Enzalutamide, un potente inibitore del recettore degli androgeni, aggiunto alla soppressione del testosterone è in grado di migliorare la sopravvivenza globale con o senza Docetaxel, come terapia di prima linea per carcinoma prostatico ormone-sensibile metastatico.

La randomizzazione ha riguardato 1.125 uomini ( età mediana, 69 anni ). I pazienti sono stati assegnati alla terapia con soppressori del testosterone tra cui Goserelina, Degarelix e Leuprolide, in combinazione con 160 mg di Enzalutamide per os al giorno ( n=563 ), oppure a uno di tre antiandrogeni non-steroidei: Bicalutamide, Nilutamide o Flutamide ( n=562 ).

Tra tutti i pazienti, 503 hanno ricevuto dosi precoci di Docetaxel, inclusi 249 pazienti nel gruppo antiandrogeni non-steroidei e 254 pazienti nel gruppo Enzalutamide.

La sopravvivenza globale ( OS ) era l'endpoint principale. Gli endpoint secondari comprendevano sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) biochimica ( correlata ai valori di PSA ), sopravvivenza libera da progressione ed eventi avversi.

Il follow-up mediano è stato pari a 34 mesi.

I risultati hanno mostrato che a 3 anni, l'80% degli uomini che hanno ricevuto Enzalutamide era in vita rispetto al 72% degli uomini che hanno ricevuto uno di altri tre antiandrogeni non-steroidei ( hazard ratio, HR = 0.67, 95% CI, 0.52-0.86 ).

Complessivamente, gli uomini che hanno ricevuto Enzalutamide hanno presentato un rischio ridotto del 33% di mortalità rispetto agli uomini che hanno ricevuto altri antiandrogeni non-steroidei.

Tra 596 uomini con malattia ad alto volume, il 71% nel gruppo Enzalutamide era vivo dopo 3 anni rispetto al 64% che aveva assunto un altro antiandrogeno non-steroideo ( HR = 0.74; IC 95%, 0.55-1.01 ).

Tra 529 uomini con malattia a basso volume, il 90% nel gruppo Enzalutamide era vivo dopo 3 anni rispetto all'82% che aveva assunto un altro antiandrogeno non-steroideo ( HR = 0.48, IC 95%, 0.28-0.8 ).

Gli uomini che non hanno ricevuto il Docetaxel programmato in anticipo hanno dimostrato il massimo beneficio di sopravvivenza globale.
I risultati tra questi uomini hanno mostrato una sopravvivenza globale a 3 anni dell'83% con Enzalutamide contro il 70% con altri antiandrogeni non-steroidei.

Oltre la metà ( 64% ) degli uomini nel gruppo Enzalutamide era ancora in terapia dopo 3 anni rispetto al 36% degli uomini che avevano assunto un altro antiandrogeno non-steroideo.

Eventi avversi gravi entro 30 giorni dal trattamento di studio si sono verificati nel 42% degli uomini nel gruppo Enzalutamide rispetto al 34% degli uomini che assumevano un altro antiandrogeno non-steroideo.

In conclusione, Enzalutamide ha migliorato significativamente la sopravvivenza globale quando aggiunto a terapia di soppressione del testosterone con o senza Docetaxel nel carcinoma della prostata ormono-sensibile, metastatico.
I benefici sono apparsi più bassi nei pazienti pianificati a Docetaxel in fase iniziale. ( Xagena2019 )

Fonte: ASCO ( American Society of Clinical Oncology ) Annual Meeting, 2019

Onco2019 Uro2019 Farma2019


Indietro