Tumore prostata
Xagena Mappa
Tumore rene
Tumore Vescica

Esiti riferiti dai pazienti 12 anni dopo il trattamento del tumore alla prostata localizzato


Gli esiti a lungo termine riferiti dai pazienti sono necessari per orientare le decisioni terapeutiche per il tumore alla prostata localizzato.

Sono stati valutati gli esiti riportati dai pazienti di 1.643 partecipanti assegnati in modo casuale allo studio ProtecT ( Prostate Testing for Cancer and Treatment ) per valutare gli impatti funzionali e sulla qualità di vita della prostatectomia, della radioterapia con deprivazione androgenica neoadiuvante e del monitoraggio attivo.

Questo articolo si concentra sugli esiti dei partecipanti assegnati in modo casuale da 7 a 12 anni utilizzando modelli lineari e logistici a effetti misti.

I tassi di risposta hanno superato l’80% per la maggior parte delle misure. Tra i gruppi randomizzati nell’arco di tempo tra 7 e 12 anni, i punteggi generici sulla qualità di vita sono stati simili.

Tra i partecipanti del gruppo sottoposto alla prostatectomia, la perdita urinaria che richiedeva assorbenti si è verificata nel 18-24% dei pazienti tra 7 e 12 anni, rispetto al 9-11% nel gruppo con monitoraggio attivo e al 3-8% nel gruppo radioterapia.

Nel gruppo sottoposto a prostatectomia, il 18% ha riportato erezioni sufficienti per un rapporto sessuale a 7 anni di distanza, rispetto al 30% nel gruppo con monitoraggio attivo e al 27% nei gruppi con radioterapia; tutti convergevano a bassi livelli di potenza entro l'anno 12.

Nicturia ( minzione almeno due volte per notte ) si è verificata nel 34% nel gruppo sottoposto a prostatectomia rispetto al 48% nel gruppo radioterapia e al 47% nel gruppo monitoraggio attivo a 12 anni.

La fuoriuscita fecale ha interessato il 12% nel gruppo radioterapia rispetto al 6% negli altri gruppi entro l'anno 12.

Il gruppo di monitoraggio attivo ha sperimentato un graduale declino correlato all'età della funzione sessuale e urinaria, evitando effetti radicali del trattamento a meno che non cambiassero gestione.

ProtecT ha fornito prove solide sugli impatti continui dei trattamenti a lungo termine. Questi dati consentono ai pazienti con nuova diagnosi di tumore alla prostata localizzato e ai loro medici di valutare il compromesso tra danni e benefici del trattamento e di consentire decisioni terapeutiche più informate e prudenti. ( Xagena2023 )

Donovan JL et al, NEJM Evid 2023; 2 ( 4 )

Uro2023 Onco2023 Chiru2023



Indietro