Tumore prostata
Tumore Vescica
Tumore rene
Tumore prostata

Eterogeneità trascrittomica e clinica dei tempi della malattia metastatica nel tumore prostatico metastatico sensibile alla castrazione


Il tumore della prostata metastatico sensibile alla castrazione ( mCSPC ) è comunemente classificato in sottogruppi ad alto e basso volume che hanno dimostrato differenze nella biologia, prognosi e risposta alla terapia.
La tempistica delle metastasi ha dimostrato in modo simile differenze negli esiti clinici; tuttavia, si sa meno sulle eventuali differenze biologiche sottostanti tra questi stati patologici.

Sono state confrontate le differenze trascrittomiche tra tumore della prostata metastatico sensibile alla castrazione sincrono e metacrono e sono state identificate eventuali risposte differenziali alla terapia.

È stata eseguita una revisione retrospettiva multicentrica internazionale di uomini con tumore della prostata metastatico sensibile alla castrazione che hanno completato la valutazione del profilo di espressione dell'RNA del tumore primario.

I pazienti sono stati stratificati in base alle tempistiche della malattia ( sincrona rispetto a metacrona ).

L'endpoint primario era identificare le differenze nei profili trascrittomici tra i tempi della malattia.
Le analisi secondarie includevano la determinazione delle variabili cliniche e trascrittomiche associate alla sopravvivenza globale ( OS ) dal momento della metastasi.

Sono stati inclusi in totale 252 pazienti con un follow-up mediano di 39.6 mesi. I pazienti con malattia sincrona hanno manifestato una sopravvivenza globale a 5 anni peggiore ( 39% vs 79%; P minore di 0.01 ) e hanno dimostrato un'attività mediana del recettore degli androgeni ( AR ) inferiore ( 11.78 vs 12.64; P minore di 0.01 ) e una risposta androgenica caratteristica ( HAR; 3.15 vs 3.32; P minore di 0.01 ).

La regressione multivariata di Cox ha identificato solo malattia ad alto volume ( hazard ratio, HR=4.97; P minore di 0.01 ) e punteggio di risposta androgenica caratteristica ( HR=0.51; P=0.02 ) significativamente associato alla sopravvivenza globale.

Infine, i pazienti con malattia sincrona ( HR=0.47; P minore di 0.01 ) ma non metacrona ( HR=1.37, P=0.56 ) hanno mostrato una migliore sopravvivenza globale con terapia di combinazione con recettore degli androgeni e non-recettore degli androgeni rispetto alla monoterapia ( valore P per l'interazione=0.05 ).

È stata dimostrata una potenziale differenza biologica tra le tempistiche metastatiche del tumore della prostata metastatico sensibile alla castrazione. Nello specifico, per i pazienti con malattia a basso volume, quelli con malattia metacrona a basso volume hanno un profilo trascrizionale più dipendente dagli ormoni e una prognosi migliore rispetto alla malattia sincrona a basso volume. ( Xagena2023 )

Sutera PA et al, Ann Oncol 2023; 34: 605-614

Uro2023 Onco2023



Indietro