Controversies in Genitourinary Tumors 2018
EAU17
Genitourinary Cancars Symposium
Tumore rene

Incidenza di cancro alla prostata e test PSA in relazione alle raccomandazioni di screening USPSTF


L’incidenza del cancro alla prostata negli uomini a partire da 75 anni è sensibilmente diminuita in seguito alle raccomandazioni US Preventive Services Task Force ( USPSTF ) del 2008 contro lo screening dell'antigene prostatico specifico ( PSA ) per questa fascia di età.
Non è noto se l'incidenza sia cambiata dopo le raccomandazioni USPSTF del 2012 contro lo screening per tutti gli uomini.

Sono stati esaminati i recenti cambiamenti nella incidenza del tumore alla prostata di stadio-specifico e i tassi di screening di PSA seguendo le raccomandazioni USPSTF del 2008 e del 2012 mediante uno studio di incidenza del carcinoma alla prostata standardizzato per età ( casi di nuova diagnosi per 100.000 uomini di età a partire da 50 anni ) per stadio dal 2005 al 2012 utilizzando i dati di 18 Registri SEER ( Surveillance, Epidemiology, and End Results ) basati sulla popolazione, e i tassi di screening di PSA nell’anno precedente tra gli uomini a partire da 50 anni di età senza una storia di cancro alla prostata che hanno risposto all’indagine NHIS ( National Health Interview Survey ) nel 2005 ( n=4.580 ), 2008 ( n=3.476 ), 2010 ( n=4.157 ) e 2013 ( n=6.172 ).

Sono state valutate le raccomandazioni USPSTF di omettere lo screening di PSA per gli uomini a medio rischio.

L’incidenza del cancro alla prostata per 100.000 negli uomini a partire da 50 anni ( n=446.009 nelle aree SEER ) è stata pari a 534.9 nel 2005, 540.8 nel 2008, 505.0 nel 2010, 416.2 nel 2012; i tassi hanno iniziato a diminuire nel 2008 e la più grande riduzione si è verificata tra il 2011 e il 2012, da 498.3 a 416.2.

Il numero di uomini a partire da 50 anni con diagnosi di tumore alla prostata a livello nazionale è diminuito di 33.519 unità, da 213.562 uomini nel 2011 a 180.043 uomini nel 2012.
I cali di incidenza dal 2008 sono stati confinati a malattia in stadio locale / regionale ed erano simili per gruppi di età ed etnia.

La percentuale di uomini a partire da 50 anni che ha riportato screening di PSA negli ultimi 12 mesi è stata del 36.9% nel 2005, 40.6% nel 2008, 37.8% nel 2010 e 30.8% nel 2013.

In termini relativi, i tassi di screening sono aumentati del 10% ( SRR, 1.10 ) tra il 2005 e il 2008, e poi sono diminuiti del 18% ( SRR, 0.82 ) tra il 2010 e 2013.

Pattern simili di screening sono stati riscontrati nei sottogruppi di età da 50 a 74 anni e a partire da 75 anni.

In conclusione, sia l'incidenza del cancro alla prostata in stadio precoce che i tassi di screening di PSA sono diminuiti in coincidenza con le raccomandazione USPSTF del 2012 di omettere lo screening di PSA dalle cure primarie di routine per gli uomini.
È necessario un follow-up più lungo per verificare se queste diminuzioni siano associate a tendenze nella mortalità. ( Xagena2015 )

Ahmedin J et al, JAMA 2015; 314: 2054-2061

Uro2015 Onco2015



Indietro