Tumore prostata
Tumore Vescica
Tumore rene
EAU17

L'assunzione di inibitori della 5-alfa-reduttasi associata a esiti peggiori nel cancro alla prostata


L'esame delle cartelle cliniche del database dei Veterans Affairs ha mostrato che il trattamento con inibitori della 5-alfa-reduttasi ( 5-ARI ) è associato a tempi più lunghi alla diagnosi e a una maggiore mortalità nel carcinoma della prostata.

I 5-ARI ( Finasteride, Dutasteride ), comunemente usati per trattare l'iperplasia prostatica benigna ( IPB ), riducono il volume della prostata e alleviano l'ostruzione del deflusso urinario.
Questi farmaci riducono le concentrazioni sieriche di PSA, ma non ci sono dati sull'associazione tra uso di 5-ARI e rilevamento del cancro alla prostata, e gli esiti tra gli uomini sottoposti a screening per il tumore prostatico.

Uno studio ha valutato l'ipotesi che la soppressione del PSA indotta da 5-ARI possa portare a ritardi nella diagnosi del tumore alla prostata, a un grado e uno stadio più elevato alla diagnosi e a un maggiore rischio di mortalità specifica per cancro alla prostata.

Lo studio ha incluso 80.875 uomini che hanno partecipato allo screening del cancro alla prostata; di questi, a 8.587 ( 10.6% ) erano stati prescritti 5-ARI almeno un anno prima della diagnosi del tumore prostatico ( durata del trattamento mediana prima della diagnosi, 4.85 anni ).

Il ritardo mediano dal primo valore ( aggiustato ) elevato di PSA alla biopsia prostatica è risultato significativamente più lungo tra gli utilizzatori di 5-ARI ( 3.60 anni ) rispetto a quelli che assumevano alfa-bloccanti ( 2.11 anni ) o quelli che non assumevano né alfa-bloccanti né 5-ARI ( 1.17 anni ).

Il valore non-aggiustato di PSA era simile ( ma statisticamente diverso ) tra gli utilizzatori di 5-ARI ( 6.8 ng/mL ), di alfa-bloccanti ( 6.4 ng/mL ) e tra coloro che non avevano assunto nessuno dei due tipi di farmaci ( 6.4 ng/mL ), mentre il valore aggiustato di PSA era circa due volte più alto nel gruppo 5-ARI ( 13.5 ng/mL ) rispetto agli altri gruppi ( 6.4 ng/mL per entrambi ).

Coloro che avevano assunto 5-ARI sono stati sottoposti a biopsia prostatica con più ritardo rispetto ai non-utilizzatori di 5-ARI in tutte le fasce di età dopo il primo valore elevato di PSA.

Coloro che hanno fatto uso di 5-ARI avevano significativamente più probabilità rispetto ai non-utilizzatori di presentare una malattia di grado più elevato ( punteggio di Gleason, 8-10 ), T3 o T4, linfonodi positivi e stato metastatico.

L'incidenza cumulativa a 12 anni della mortalità specifica per il carcinoma prostatico e della mortalità per qualsiasi causa è risultata significativamente più alta tra gli uomini che avevano ricevuto 5 ARI ( 13% e 45%, rispettivamente ) rispetto agli uomini che avevano ricevuto alfa-bloccanti ( 8% e 42%, rispettivamente ) o coloro che non avevano assunto alcun farmaco ( rispettivamente 8% e 36% ).

L'aumento dell'intensità della dose nell'uso di 5-ARI ha aumentato il rischio di mortalità specifica per il tumore alla prostata. ( Xagena2019 )

Fonte: JAMA Internal Medicine, 2019

Uro2019 Onco2019 Farma2019


Indietro