Tumore rene
Tumore prostata
Tumore Vescica
Tumore Vescica

Pazienti con tumore alla prostata a basso rischio: l’opzione sorveglianza


Secondo un nuovo studio pubblicato su The Journal of National Cancer Institute ( JNCI ), la sorveglianza attiva o la vigile attesa potrebbero essere un trattamento sufficiente per i pazienti con tumore alla prostata che hanno un basso rischio di progressione.

Il trattamento del tumore prostatico localizzato è controverso, perché, per alcuni, questa malattia non progredisce nel corso della vita e il trattamento può comportare effetti indesiderati gravi e di lunga durata.
Un'opzione sempre più popolare è la sorveglianza attiva, o ritardare il trattamento finché non si presentano evidenze di progressione della malattia.

Per studiare gli esiti dei pazienti trattati con sorveglianza attiva, è stato condotto uno studio osservazionale su 6.849 pazienti in Svezia, con cancro alla prostata localizzato, che avevano 70 anni o meno.
I pazienti avevano un rischio basso o intermedio di progressione del tumore alla prostata e sono stati trattati con sorveglianza attiva e vigile attesa; oppure prostatectomia totale o radioterapia dal 1997 al 2002.

In questa coorte, 2.021 pazienti hanno ricevuto sorveglianza attiva, 3.399 hanno ricevuto prostatectomia totale, e 1.429 hanno ricevuto radioterapia. Br>
Dopo un follow-up medio di 8.2 anni, ci sono stati 413 decessi nel gruppo di sorveglianza, 286 nel gruppo prostatectomia totale, e 1.429 pazienti nel gruppo terapia radiante.

I ricercatori hanno trovato una percentuale molto più alta di mortalità per altre cause nel gruppo controllo ( 19.2%, rispetto al 6.8% nel gruppo prostatectomia e al 10.9% nel gruppo radioterapia ), suggerendo che i pazienti con un'aspettativa di vita inferiore erano più spesso selezionati per la sorveglianza che per la terapia chirurgica o la radioterapia.

Questo studio osservazionale ha trovato che il rischio cumulativo calcolato di morte specifica per il tumore alla prostata era più basso tra i pazienti del gruppo prostatectomia rispetto a quelli del gruppo di sorveglianza. Tuttavia, la differenza di rischio assoluto tra i gruppi è stata modesta, 1.2% dopo 10 anni di follow-up.

Si può concludere che la sorveglianza sia la strategia migliore per molti pazienti con tumore prostatico a basso rischio. Con una mortalità a 10 anni per tumore alla prostata inferiore al 3% per i pazienti con neoplasia prostatica a basso rischio sottoposti a sorveglianza, questa strategia sembra essere adatta per molti uomini.

In un editoriale di accompagnamento, si sostiene che probabilmente il risultato più notevole di questo e di altri studi recenti sia la scoperta che la sopravvivenza in molti pazienti con malattia localizzata gestita conservativamente è simile a quella dei soggetti di controllo di pari età.

Infatti, la maggior parte degli uomini morirà di un'altra malattia, e la diagnosi di tumore alla prostata dovrebbe fungere da campanello d’allarme per gli uomini, per indurli a farsi carico della loro salute e a prendersi più cura di se stessi.
Tuttavia, un gran numero di ricerche sul tumore ha dimostrato che i malati di cancro sono particolarmente ricettivi ai consigli medici dopo la diagnosi, ma gli uomini più anziani, come quelli con tumore alla prostata, sembrano essere meno recettivi al cambiamento. ( Xagena2010 )

Fonte: J Natl Cancer Inst, 2010


Onco2010 Uro 2010 Farma2010


Indietro