Tumore rene
EAU17
Tumore prostata
Tumore Vescica

Qualità di vita correlata alla salute per la terapia di deprivazione androgenica immediata vs ritardata nei pazienti con cancro alla prostata asintomatico non-curabile


La terapia di deprivazione androgenica in pazienti con tumore della prostata che hanno avuto una ricaduta con solo l’aumento della concentrazione dell'antigene specifico della prostata ( recidiva solo-PSA ), o con malattia non-curabile ma asintomatica alla diagnosi, potrebbe influenzare negativamente la qualità di vita.
È stato confrontato l'effetto della terapia di deprivazione androgenica immediata rispetto a quella ritardata sulla qualità di vita correlata alla salute nell'arco di 5 anni negli uomini arruolati nello studio TOAD ( Timing of Androgen Deprivation ).

Lo studio randomizzato, multicentrico, in aperto, di fase 3, condotto in 29 Centri oncologici in Australia, Nuova Zelanda e Canada, ha confrontato la terapia di deprivazione androgenica immediata con quella ritardata negli uomini con recidiva solo-PSA dopo trattamento definitivo o malattia non curabile de-novo.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale alla terapia di deprivazione androgena immediata ( gruppo di terapia immediata ) o alla terapia di deprivazione androgenica ritardata ( gruppo di terapia ritardata ).

È stato permesso qualsiasi tipo di terapia di deprivazione degli androgeni, così come programmi intermittenti o continui.

I questionari sulla qualità di vita European Organisation for Research and Treatment of Cancer ( EORTC ) QLQ-C30 e PR25 sono stati completati prima della randomizzazione, ogni 6 mesi per 2 anni e ogni anno per ulteriori 3 anni.

L'esito primario dello studio, riportato in precedenza, era la sopravvivenza globale, con una qualità di vita globale correlata alla salute a 2 anni come endpoint secondario.
Sono stati riportati gli obiettivi secondari prespecificati dell'endpoint di qualità di vita.

Tra il 2004 e il 2012, 293 uomini sono stati reclutati e assegnati in modo casuale; 151 al gruppo terapia ritardata e 142 al gruppo di terapia immediata.
Non c'è stata differenza tra i due gruppi nella qualità di vita globale correlata alla salute a 2 anni dalla randomizzazione.

Non ci sono state differenze statisticamente significative nella qualità di vita globale, nel funzionamento fisico, nel funzionamento di ruolo o nel funzionamento emotivo, nell'affaticamento, nella dispnea, nell'insonnia o nel sentirsi meno mascolini durante i 5 anni successivi alla randomizzazione.

L'attività sessuale è stata più bassa nel gruppo terapia immediata rispetto al gruppo terapia ritardata a 6 e 12 mesi ( a 6 mesi punteggio medio 29.20 nel gruppo ritardato vs 10.40 nel gruppo immediato, differenza 18.80, P minore di 0.0001; a 12 mesi 28.63 vs 13.76, differenza 14.86, P minore di 0.0001 ), con le differenze che superano la soglia clinicamente significativa di 10 punti fino a oltre 2 anni.

Il gruppo di terapia immediata ha presentato anche più sintomi correlati al trattamento ormonale a 6 e 12 mesi ( a 6 mesi punteggio medio 8.48 nel gruppo ritardato rispetto a 15.97 nel gruppo immediato, differenza -7.49, P minore di 0.0001; a 12 mesi 9.32 vs 17.07, differenza -7.75, P minore di 0.0001 ), ma con differenze al di sotto della soglia di significatività clinica.

Per i singoli sintomi, le vampate di calore sono state clinicamente significativamente più alte nel gruppo immediato ( proporzione aggiustata 0.31 per terapia ritardata vs 0.55 per terapia immediata, odds ratio aggiustato, aOR=2.87, P minore di 0.0001 ) durante il periodo di 5 anni, così come i sintomi del capezzolo o della mammella ( 0.06 vs 0.14, P=0.00013 ).

L'uso immediato della terapia di deprivazione androgenica è stato associato a precoci danni in specifici sintomi correlati al trattamento ormonale, ma senza altri effetti dimostrabili sul funzionamento complessivo o sulla qualità di vita correlata alla salute.
Questa evidenza può essere utilizzata per aiutare il processo decisionale sull'inizio del trattamento per gli uomini in questa fase della malattia. ( Xagena2017 )

Duchesne GM et al, Lancet Oncology 2017; 18: 1192-1201

Onco2017 Uro2017 Farma2017


Indietro