GSK Infettivologia
Forum Infettivologico
Tumore prostata
EAU17

Qualità di vita nei pazienti con tumore prostatico metastatico in seguito al trattamento con Cabazitaxel versus Abiraterone o Enzalutamide: studio CARD


Nello studio CARD, Cabazitaxel ( Jevtana ) ha migliorato significativamente la sopravvivenza libera da progressione radiografica e la sopravvivenza globale rispetto ad Abiraterone ( Zytiga ) o Enzalutamide ( Xtandi ) nei pazienti con cancro alla prostata metastatico resistente alla castrazione precedentemente trattati con Docetaxel e l'inibitore alternativo mirato alla via di segnalazione degli androgeni.

Sono stati riportati gli esiti sulla qualità di vita dallo studio CARD.

CARD è uno studio di fase 4 randomizzato, multicentrico, in aperto, che ha coinvolto 62 siti clinici in 13 paesi europei. I pazienti di età pari o superiore a 18 anni, ECOG performance status inferiore o uguale a 2 con tumore alla prostata metastatico resistente alla castrazione confermato sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Cabazitaxel ( 25 mg/m2 per via endovenosa ogni 3 settimane, 10 mg al giorno di Prednisone e fattore stimolante le colonie di granulociti [ G-CSF ] ) rispetto ad Abiraterone ( 1.000 mg per via orale una volta al giorno più 5 mg di Prednisone 2 volte al giorno ) o Enzalutamide ( 160 mg per via orale al giorno ).

I fattori di stratificazione erano l’ECOG performance status, il tempo alla progressione della malattia con il precedente inibitore mirato alla via segnalazione degli androgeni e la tempistica del precedente inibitore mirato alla via segnalazione degli androgeni.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione radiografica.

Sono state presentate analisi più dettagliate del dolore ( valutato utilizzando l'elemento 3 del Brief Pain Inventory-Short Form, BPI-SF ) e degli eventi scheletrici sintomatici, insieme agli esiti segnalati dai pazienti prepianificati, valutati utilizzando il questionario Functional Assessment of Cancer Therapy-Prostate ( FACT-P ) e EuroQoL a 5 dimensioni, scala a 5 livelli ( EQ-5D-5L ).

Le analisi di efficacia sono state condotte nella popolazione intent-to-treat ( ITT ). La risposta al dolore è stata analizzata nella popolazione ITT con una valutazione basale e almeno una valutazione post-basale dell'elemento 3 della scala BPI-SF; gli esiti riportati dal paziente ( PRO ) sono stati analizzati nella popolazione ITT con una valutazione basale e almeno una valutazione post-basale di FACT-P o EQ-5D-5L ( popolazione PRO ).
Anche nella popolazione ITT sono state condotte analisi degli eventi scheletrici.

Tra il 2015 e il 2018, su 303 pazienti sottoposti a screening, 255 sono stati assegnati in modo casuale a Cabazitaxel ( n=129 ) o Abiraterone o Enzalutamide ( n=126 ).
Il follow-up mediano è stato di 9.2 mesi.

La risposta al dolore è stata osservata in 51 su 111 pazienti con Cabazitaxel ( 46% ) e in 21 su 109 pazienti ( 19% ) con Abiraterone o Enzalutamide ( P minore di 0.0001 ).

Il tempo mediano alla progressione del dolore non era stimabile con Cabazitaxel e 8.5 mesi con Abiraterone o Enzalutamide ( hazard ratio, HR 0.55; log-rank P=0.035 ).
Il tempo mediano agli eventi scheletrici sintomatici non era stimabile con Cabazitaxel e 16.7 mesi con Abiraterone o Enzalutamide ( HR 0.99; log-rank P=0.050 ).

Il tempo mediano al deterioramento del punteggio totale FACT-P è stato di 14.8 mesi con Cabazitaxel e 8.9 mesi con Abiraterone o Enzalutamide ( HR 0.72; log-rank P=0.21 ).

È stato osservato un effetto del trattamento significativo nelle variazioni dal basale del punteggio EQ-5D-5L utility index a favore di Cabazitaxel rispetto ad Abiraterone o Enzalutamide ( P=0.030 ) ma nessuna differenza tra i gruppi di trattamento per la variazione dal basale sulla scala analogica visiva EQ-5D-5L ( P=0.060 ).

Poiché Cabazitaxel ha migliorato la risposta al dolore, il tempo alla progressione del dolore, il tempo agli eventi scheletrici sintomatici e l’EQ-5D-5L utility index, medici e pazienti con tumore prostatico metastatico resistente alla castrazione possono essere rassicurati sul fatto che Cabazitaxel non ridurrà la qualità di vita rispetto a trattamento con un secondo inibitore mirato alla via segnalazione degli androgeni. ( Xagena2020 )

Fizazi K et al, Lancet Oncology 2020; 21: 1513-1525

Uro2020 Onco2020 Farma2020


Indietro