GSK Infettivologia
Tumore prostata
Forum Infettivologico
Tumore prostata

Radioterapia adiuvante o di salvataggio precoce per il trattamento del tumore della prostata localizzato e localmente avanzato


Non è chiaro se la radioterapia adiuvante o di salvataggio precoce dopo prostatectomia radicale sia più appropriata per gli uomini che presentano un tumore alla prostata localizzato o localmente avanzato.
È stata pianificata in modo prospettico una revisione sistematica di studi randomizzati controllati ( RCT ) confrontando questi approcci radioterapici.

È stata utilizzata una struttura prospettica per la meta-analisi adattativa ( FAME ), avviando il processo di revisione mentre erano in corso studi idonei.
Gli studi RCT erano ammissibili se miravano a confrontare la radioterapia adiuvante immediata rispetto alla radioterapia di salvataggio precoce, in seguito alla prostatectomia radicale negli uomini di età a partire da 18 anni con tumore alla prostata a rischio intermedio o alto, localizzato o localmente avanzato.

È stata utilizzata una definizione armonizzata di sopravvivenza libera da eventi, come il tempo dalla randomizzazione fino alla prima evidenza di progressione biochimica ( antigene prostatico specifico, PSA maggiore o uguale a 0.4 ng/ml e in aumento dopo il completamento di qualsiasi radioterapia postoperatoria ), progressione clinica o radiologica, inizio di un trattamento non-sperimentale, morte per tumore alla prostata o un livello di PSA di almeno 2.0 ng/ml in qualsiasi momento dopo la randomizzazione.

Sono stati identificati tre studi ammissibili e sono stati ottenuti risultati aggiornati per la sopravvivenza libera da eventi per 2.153 pazienti reclutati tra il 2007 e il 2016.
Il follow-up mediano è variato da 60 mesi a 78 mesi, con un follow-up massimo di 132 mesi.

In tutto 1.075 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere radioterapia adiuvante e 1.078 a una politica di radioterapia di salvataggio precoce, di cui 421 ( 39.1% ) avevano iniziato il trattamento al momento dell'analisi.
Le caratteristiche dei pazienti erano bilanciate all'interno degli studi e complessivamente.

L'età mediana di 64 o 65 anni era simile nei tre studi e la maggior parte dei pazienti ( 1.671, 77.6% ) aveva un punteggio Gleason di 7.
Tutti gli studi erano a basso rischio di bias.

Sulla base di 270 eventi, la meta-analisi non ha mostrato alcuna evidenza che la sopravvivenza libera da eventi fosse migliorata con la radioterapia adiuvante rispetto alla radioterapia di salvataggio precoce ( HR 0.95, P=0.70 ), con solo una variazione di 1 punto percentuale nella sopravvivenza libera da eventi a 5 anni ( 89% vs 88% ).
I risultati sono stati in accordo tra gli studi ( P eterogeneità=0.18; I2=42% ).

Questa revisione sistematica e meta-analisi collaborativa e progettata in modo prospettico ha indicato che la radioterapia adiuvante non-migliora la sopravvivenza libera da eventi negli uomini con tumore prostatico localizzato o localmente avanzato.
Fino a quando non saranno disponibili dati sugli esiti a lungo termine, il trattamento di salvataggio precoce sembrerebbe il trattamento preferibile, in quanto offre l'opportunità di risparmiare la radioterapia a molti uomini e gli effetti collaterali associati. ( Xagena2020 )

Vale CL et al, Lancet 2020; 396: 1422-1431

Onco2020 Uro2020



Indietro