Tumore prostata
Tumore Vescica
Tumore Vescica
Tumore rene

Radioterapia adiuvante versus radioterapia di salvataggio precoce dopo prostatectomia radicale: studio ANZUP RAVES


La radioterapia adiuvante ha dimostrato di dimezzare il rischio di progressione biochimica per i pazienti con malattia ad alto rischio dopo prostatectomia radicale.
La radioterapia di salvataggio precoce potrebbe portare a un controllo biochimico simile con una minore tossicità del trattamento.

È stata confrontata la progressione biochimica tra i pazienti trattati con radioterapia adiuvante e quelli trattati con radioterapia di salvataggio.

È stato condotto uno studio di non-inferiorità di fase 3, randomizzato, controllato in 32 Centri di oncologia in Australia e Nuova Zelanda.
I pazienti idonei avevano un'età di almeno 18 anni ed erano stati sottoposti a prostatectomia radicale per adenocarcinoma della prostata con stadiazione patologica che ha mostrato caratteristiche ad alto rischio definite come margini chirurgici positivi, estensione extraprostatica o invasione della vescicola seminale; avevano un ECOG performance status di 0-1 e una concentrazione postoperatoria di antigene prostatico specifico ( PSA ) di 0.10 ng/ml o valore inferiore.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale alla radioterapia adiuvante entro 6 mesi dalla prostatectomia radicale o alla radioterapia di salvataggio precoce innescata da un PSA di 0.20 ng/ml o superiore.

I pazienti sono stati stratificati per Centro di radioterapia, PSA ( antigene prostatico specifico ) preoperatorio, punteggio di Gleason, stato del margine chirurgico e stato di invasione della vescicola seminale.

La radioterapia in entrambi i gruppi è stata di 64 Gy in 32 frazioni al letto prostatico senza terapia di deprivazione androgenica con revisione in tempo reale della qualità del piano su tutti i casi prima del trattamento.

L'endpoint primario era la libertà dalla progressione biochimica.
La radioterapia di salvataggio era considerata non-inferiore alla radioterapia adiuvante se la libertà dalla progressione biochimica a 5 anni era entro il 10% di quella della radioterapia adiuvante con un hazard ratio ( HR ) per la radioterapia di salvataggio rispetto alla radioterapia adiuvante di 1.48.
L'analisi primaria è stata eseguita in base all'intention-to-treat ( ITT ).

Tra il 2009 e il 2015, 333 pazienti sono stati assegnati in modo casuale; 166 alla radioterapia adiuvante, 167 alla radioterapia di salvataggio.
Il follow-up mediano è stato di 6.1 anni.

Un Comitato indipendente di monitoraggio dei dati ha raccomandato la chiusura anticipata dell'arruolamento a causa di tassi di eventi inaspettatamente bassi.
84 pazienti ( 50% ) nel gruppo di radioterapia di salvataggio sono stati sottoposti a radioterapia innescata da un valore di PSA di 0.20 ng/ml o superiore.

La libertà a 5 anni dalla progressione biochimica è stata dell'86% nel gruppo radioterapia adiuvante rispetto all'87% nel gruppo radioterapia di salvataggio ( HR stratificato 1.12, P di non-inferiorità=0.15 ).

Il tasso di tossicità genitourinaria di grado 2 o maggiore è risultato inferiore nel gruppo di radioterapia di salvataggio ( 90 su 167, 54% ) rispetto al gruppo di radioterapia adiuvante ( 116 su 166, 70% ).
Il tasso di tossicità gastrointestinale di grado 2 o maggiore era simile tra il gruppo di radioterapia di salvataggio ( 16, 10% ) e il gruppo di radioterapia adiuvante ( 24, 14% ).

La radioterapia di salvataggio non ha soddisfatto i criteri di non-inferiorità specificati dallo studio.
Tuttavia, questi dati supportano l'uso della radioterapia di salvataggio in quanto si traduce in un controllo biochimico simile alla radioterapia adiuvante, risparmia circa la metà degli uomini dalla radiazione pelvica ed è associata a tossicità genitourinaria significativamente inferiore. ( Xagena2020 )

Kneebone A et al, Lancet Oncology 2020; 21: 1331-1340

Onco2020 Uro2020 Chiru2020



Indietro