Tumore prostata
Tumore Vescica
Xagena Mappa
Tumore prostata

Radioterapia adiuvante versus radioterapia di salvataggio precoce più terapia di deprivazione androgenica a breve termine negli uomini con tumore prostatico localizzato dopo prostatectomia radicale: studio GETUG-AFU 17


La radioterapia adiuvante riduce il rischio di progressione biochimica nei pazienti con tumore alla prostata dopo prostatectomia radicale. È stata confrontata la radioterapia adiuvante con quella di salvataggio precoce dopo prostatectomia radicale, combinata con la terapia ormonale a breve termine, in termini di esiti oncologici e tolleranza.

GETUG-AFU 17 è uno studio di fase 3 randomizzato, in aperto, multicentrico, condotto in 46 ospedali francesi.
Uomini di almeno 18 anni che avevano un ECOG performance status pari o inferiore a 1, adenocarcinoma localizzato della prostata trattato con prostatectomia radicale, che avevano una malattia in fase patologica pT3a, pT3b o pT4a ( con invasione del collo vescicale ), pNx ( senza dissezione dei linfonodi pelvici ) o pN0 ( con dissezione dei linfonodi negativa ) e che avevano margini chirurgici positivi, erano eleggibili per l'inclusione nello studio.

I pazienti idonei sono stati assegnati in modo casuale alla radioterapia adiuvante immediata o alla radioterapia di salvataggio ritardata al momento della recidiva biochimica. L’assegnazione casuale è stata stratificata in base al punteggio di Gleason, allo stadio pT e al Centro.

Tutti i pazienti avevano ricevuto 6 mesi di Triptorelina mediante iniezione intramuscolare ogni 3 mesi.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da eventi. Sono state effettuate analisi di efficacia e sicurezza sulla popolazione intent-to-treat ( ITT ).

Tra il 2008 e il 2016 sono stati arruolati 424 pazienti. Si era pianificato di arruolare 718 pazienti, con 359 pazienti in ciascun gruppo di studio; tuttavia, nel maggio 2016, il Comitato indipendente di monitoraggio dei dati ha raccomandato la cessazione anticipata dell'arruolamento a causa di tassi di eventi inaspettatamente bassi.

Al blocco del database del dicembre 2019, il tempo mediano complessivo di follow-up dall'assegnazione casuale era di 75 mesi, 74 mesi nel gruppo radioterapia adiuvante e 78 mesi nel gruppo radioterapia di salvataggio.

Nel gruppo radioterapia di salvataggio, 115 dei 212 pazienti ( 54% ) hanno iniziato il trattamento in studio dopo una recidiva biochimica.
205 su 212 pazienti ( 97% ) hanno iniziato il trattamento nel gruppo adiuvante.

La sopravvivenza libera da eventi a 5 anni è stata del 92% nel gruppo radioterapia adiuvante e del 90% nel gruppo radioterapia di salvataggio ( hazard ratio, HR 0.81, log-rank P=0.42 ).

Effetti tossici acuti di grado 3 o peggiore si sono verificati in 6 su 212 pazienti ( 3% ) nel gruppo radioterapia adiuvante e in 4 su 212 pazienti ( 2% ) nel gruppo radioterapia di salvataggio.

Tossicità genitourinarie tardive di grado 2 o peggiore sono state riportate in 125 su 212 pazienti ( 59% ) nel gruppo radioterapia adiuvante e in 46 su 212 pazienti ( 22% ) nel gruppo radioterapia di salvataggio.
Eventi avversi genitourinari tardivi di grado 2 o peggiore sono stati riportati in 58 su 212 pazienti ( 27% ) nel gruppo radioterapia adiuvante rispetto a 14 su 212 pazienti ( 7% ) nel gruppo di radioterapia di salvataggio ( P minore di 0.0001 ).

La disfunzione erettile tardiva è stata di grado 2 o peggiore in 60 su 212 pazienti ( 28% ) nel gruppo radioterapia adiuvante e in 17 su 212 pazienti ( 8% ) nel gruppo radioterapia di salvataggio ( P minore di 0.0001 ).

Sebbene l’analisi fosse priva di potere statistico, non è stato trovato alcun beneficio per la sopravvivenza libera da eventi nei pazienti assegnati alla radioterapia adiuvante rispetto ai pazienti assegnati alla radioterapia di salvataggio.
La radioterapia adiuvante ha aumentato il rischio di tossicità genitourinaria e disfunzione erettile.
Una politica di radioterapia di salvataggio precoce potrebbe risparmiare agli uomini un trattamento eccessivo con la radioterapia e gli eventi avversi associati. ( Xagena2020 )

Sargos P et al, Lancet Oncology 2020; 21: 1341-1352

Uro2020 Onco2020 Chiru2020 Farma2020



Indietro