Tumore Vescica
EAU17
Tumore prostata
Tumore rene

Radioterapia frazionata convenzionale versus radioterapia ipofrazionata moderata per tumore alla prostata localizzato: aggiornamento a 10 anni


Lo studio prospettico randomizzato in un singolo centro precedentemente pubblicato non è riuscito a mostrare la superiorità nel tasso di fallimento biochimico e/o clinico ( BCDF ) a 5 anni con radioterapia ipofrazionata moderata a intensità modulata ( H-IMRT ) rispetto a IMRT ( C-IMRT ) convenzionalmente frazionata.

Sono stati presentati gli esiti di malattia a 10 anni utilizzando aggiornamenti dei gruppi di rischio e delle definizioni di fallimento biochimico.

Uomini con adenocarcinoma prostatico ad alto e medio rischio definito dal protocollo sono stati assegnati in modo casuale a ricevere C-IMRT ( 76 Gy in 38 frazioni ) o H-IMRT ( 70.2 Gy in 26 frazioni ).

A tutti gli uomini con malattia ad alto rischio sono stati prescritti 24 mesi di terapia di deprivazione androgenica ( ADT ) e sono stati sottoposti a irradiazione dei linfonodi.
Agli uomini con rischio intermedio sono stati prescritti 4 mesi di terapia ADT a discrezione del medico curante.

L'endpoint primario era l'incidenza cumulativa di tasso di fallimento biochimico e/o clinico.
Sono stati confrontati gli esiti della malattia e la mortalità generale per braccio di trattamento, con analisi di sensibilità per aggiustamento del gruppo di rischio NCCN ( National Comprehensive Cancer Network ).

Complessivamente, 303 uomini valutabili sono stati assegnati in modo casuale a C-IMRT oppure a H-IMRT.
Il follow-up mediano è stato di 122.9 mesi.
Secondo la classificazione aggiornata del rischio NCCN, 28 pazienti ( 9.2% ) presentavano basso rischio, 189 ( 62.4% ) rischio intermedio e 86 ( 28.4% ) alto rischio.

I bracci erano equamente bilanciati per i fattori clinicopatologici, tranne per il fatto che c'erano più pazienti neri nel braccio C-IMRT ( 17.8% vs 7.3%; P=0.02 ).
Non vi è stata alcuna differenza nell'uso di terapia ADT ( P=0.56 ).

L'incidenza cumulativa a 10 anni del tasso di fallimento biochimico e/o clinico è stata del 25.9% nel braccio C-IMRT e del 30.6% nel braccio H-IMRT ( hazard ratio, HR=1.31 ).

I due bracci hanno anche avuto tassi cumulativi simili a 10 anni di fallimento biochimico, mortalità specifica per tumore prostatico e mortalità complessiva; tuttavia, l'incidenza cumulativa a 10 anni di metastasi a distanza è stata più elevata nel braccio H-IMRT ( differenza di tasso, 7.8% ).

La radioterapia ipofrazionata moderata a intensità modulata non è riuscita a dimostrare la superiorità rispetto a IMRT convenzionalmente frazionata negli esiti di malattia a lungo termine. ( Xagena2020 )

Avkshtol V et al, J Clin Oncol 2020; 38: 1676-1684

Uro2020 Onco2020



Indietro