Tumore Vescica
Tumore Vescica
Tumore prostata
Tumore rene

Radioterapia per il tumore primario nel cancro alla prostata metastatico di nuova diagnosi: studio STAMPEDE


Sulla base di precedenti scoperte, si è ipotizzato che la radioterapia alla prostata migliori la sopravvivenza globale negli uomini con cancro alla prostata metastatico e che il beneficio possa essere maggiore nei pazienti con un carico metastatico basso.
È stato confrontato lo standard di cura per il cancro alla prostata metastatico con e senza radioterapia.

È stato condotto uno studio randomizzato controllato di fase 3 in 117 ospedali in Svizzera e nel Regno Unito.
I pazienti eleggibili avevano un carcinoma alla prostata metastatico diagnosticato di recente.
Sono stati assegnati casualmente i pazienti in aperto allo standard di cura ( gruppo controllo ) o allo standard di cura e radioterapia ( gruppo radioterapia ).

La randomizzazione è stata stratificata per ospedale, età alla randomizzazione, coinvolgimento linfonodale, WHO performance status, terapia di deprivazione androgenica programmata, uso di Docetaxel pianificato ( da dicembre 2015 ) e uso regolare di Aspirina o antinfiammatori non-steroidei ( FANS ).
Lo standard di cura era la terapia di privazione degli androgeni per tutta la vita, con Docetaxel consentito da dicembre 2015.

Gli uomini assegnati alla radioterapia hanno ricevuto un programma giornaliero ( 55 Gy in 20 frazioni in 4 settimane ) o settimanale ( 36 Gy in 6 frazioni in 6 settimane ) stabilito prima della randomizzazione.

L'esito primario era la sopravvivenza globale, misurata come numero di morti; questa analisi aveva il 90% di potenza con alfa unilaterale del 2.5% per un rapporto di rischio ( hazard ratio, HR ) di 0.75.
Gli esiti secondari erano la sopravvivenza libera da fallimento, la sopravvivenza libera da progressione, la sopravvivenza libera da progressione metastatica, la sopravvivenza specifica al cancro alla prostata e la sopravvivenza libera da eventi sintomatici locali.
Due analisi di sottogruppi prespecificati hanno testato gli effetti della radioterapia della prostata in base al carico metastatico al basale e al programma di radioterapia.

Tra il 2013 e il 2016, 1.029 uomini sono stati assegnati al ​​controllo e 1.032 alla radioterapia.
I gruppi allocati erano equilibrati, con un'età media di 68 anni e una quantità media di antigene prostatico specifico ( PSA ) di 97 ng/ml.
367 pazienti ( 18% ) hanno ricevuto Docetaxel precocemente.

1.082 partecipanti ( 52% ) hanno seguito il programma di radioterapia giornaliera prima della randomizzazione e 979 ( 48% ) il programma settimanale.
819 uomini ( 40% ) avevano un basso carico metastatico, 1.120 ( 54% ) avevano un alto carico metastatico, e il carico metastatico era sconosciuto per 122 ( 6% ).

La radioterapia ha migliorato la sopravvivenza libera da fallimento ( HR=0.76, P minore di 0.0001 ) ma non la sopravvivenza globale ( HR=0.92, P=0.266 ).

La radioterapia è risultata ben tollerata, con 48 eventi avversi ( 5% ) ( Radiation Therapy Oncology Group [ RTOG ] grado 3-4 ) riportati durante la radioterapia e 37 ( 4% ) dopo la radioterapia.

La proporzione di pazienti che hanno riportato almeno un evento avverso grave ( CTCAE [ Common Terminology Criteria for Adverse Events ] grado 3 o peggiore ) era simile per il gruppo di trattamento nella popolazione di sicurezza ( 398, 38%, con controllo versus 380, 39%, con radioterapia ).

La radioterapia alla prostata non ha migliorato la sopravvivenza globale nei pazienti non-selezionati con tumore alla prostata metastatico di nuova diagnosi. ( Xagena2018 )

Parker CC et al, Lancet 2018; 392: 2353-2366

Onco2018 Uro2018



Indietro