Genitourinary Cancers Symposium
Tumore Vescica
Xagena Mappa
Tumore prostata

Soppressione mirata del pathway degli androgeni nel carcinoma alla prostata localizzato


L’attivazione mediata dal ligando del recettore per l’androgeno è critica per la sopravvivenza e la proliferazione del carcinoma prostatico.
Il fallimento nell’ablazione completa degli androgeni tissutali potrebbe limitare la soppressione della crescita del tumore alla prostata.

Sono state valutate le combinazioni di inibitori di CYP17A e di 5-alfa-reduttasi per ridurre il livello di androgeno prostatico, segnale del recettore dell’androgeno e volumi del tumore alla prostata.

Nello studio 25 uomini con carcinoma della prostata clinicamente localizzato a rischio intermedio/alto sono stati assegnati in maniera casuale a Goserelin ( Zoladex ) in combinazione con Dutasteride ( Avodart ) [ ZD ], Bicalutamide ( Casodex ) e Dutasteride [ ZBD ] o Bicalutamide, Dutasteride e Ketoconazolo ( Nizoral ) [ ZBDK ] per 3 mesi prima della prostatectomia.

I controlli includevano pazienti in trattamento con blocco androgenico di combinazione con agonista dell’ormone di rilascio dell’ormone luteinizzante ( LHRH ) e Bicalutamide.

L’esito primario era la concentrazione di Diidrotestosterone.

I livelli di Diidrotestosterone prostatico sono risultati sostanzialmente più bassi in tutti i bracci sperimentali ( 0.02-0.04 ng/g vs 0.92 ng/g nei controlli; P inferiore a 0.001 ).

Il gruppo ZBDK ha mostrato la più alta percentuale di declino nei livelli sierici di Testosterone, Androsterone e Deidroepiandrosterone solfato (P inferiore a 0.05 per tutti ).

Lo staining per il recettore dell’androgeno e i due geni regolari dagli androgeni antigene prostatico specifico ( PSA ) e TMPRSS2 sono risultati ampiamente soppressi nella ghiandola benigna e moderatamente soppressi nelle ghiandole maligne ( P inferiore a 0.05 per tutti ).

Due pazienti hanno mostrato risposta patologica completa e 9 un tumore residuo di dimensioni uguali o inferiori a 0.2 cm3 ( definita come risposta quasi completa ), con i numeri più ampi di risposte complete e quasi complete nel gruppo ZBDK.

In conclusione, l’aggiunta di inibitori della sintesi di androgeni abbassa gli androgeni prostatici al di sotto dei livelli raggiunti con terapia standard, ma resta un significativo segnale del recettore dell’androgeno.
L’analisi tissutale di steroidi e segnale del recettore dell’androgeno è critica per arrivare a un controllo ottimale locale e sistemico del carcinoma prostatico ad alto rischio. ( Xagena2014 )

Mostaghel EA et al, J Clin Oncol 2014; 32: 229-237

Onco2014 Uro2014 Farma2014


Indietro