Tumore prostata
Tumore prostata
Tumore Vescica
Tumore Vescica

Sorveglianza attiva negli uomini giovani con cancro alla prostata


L'idoneità dei pazienti più giovani con cancro alla prostata per la sorveglianza attiva iniziale è stata esaminata sulla base dell'eventuale necessità di trattamento e delle preoccupazioni sulla sicurezza; tuttavia, il ruolo dell'età sugli esiti di sorveglianza non è stato ben definito.

Sono stati identificati uomini gestiti con sorveglianza attiva con un follow-up minimo di 6 mesi.

L'obiettivo primario dello studio era quello di esaminare l'associazione dell'età con il rischio di upgrade del punteggio Gleason basato sulla biopsia durante sorveglianza attiva.

È stata anche esaminata l'associazione dell'età con gli endpoint correlati, inclusa la progressione complessiva determinata dalla biopsia, il trattamento definitivo e i risultati patologici e biochimici dopo la prostatectomia radicale ( RP ) ritardata .

In totale 1.433 pazienti sono stati seguiti per un mediana di 49 mesi; il 74% è stato sottoposto a biopsia iniziale presso un'istituzione di riferimento.
L'età mediana alla diagnosi era di 63 anni, di cui 599 pazienti ( 42% ) con 60 anni o meno e 834 ( 58% ) con più di 60 anni.
I tassi liberi da upgrade del punteggio di Gleason sulla base della biopsia a 3 e 5 anni sono stati rispettivamente del 73% e del 55% per gli uomini con 60 anni o meno rispetto al 64% e al 48%, rispettivamente, per gli uomini di età superiore a 60 anni ( P minore di 0.01 ).

Nell'analisi di regressione di Cox, l'età minore è stata associata indipendentemente con un minore rischio di upgrade del punteggio di Gleason basato sulla biopsia ( hazard ratio per diminuzione di 1 anno, 0.969; P minore di 0.01 ) e persisteva con la restrizione agli uomini che soddisfacevano severi criteri di inclusione per la sorveglianza attiva.

Non è stata rilevata alcuna associazione significativa tra età minore e rischio di trattamento definitivo o rischio di ricorrenza biochimica dopo prostatectomia radicale ritardata.

In conclusione, l'età più giovane dei pazienti è stata associata a un ridotto rischio di upgrade del punteggio di Gleason basato su biopsia durante sorveglianza attiva ma non con il rischio di un trattamento definitivo a termine intermedio.
La sorveglianza attiva rappresenta una strategia per mitigare il sovratrattamento nei giovani pazienti con cancro alla prostata a basso rischio nel breve periodo. ( Xagena2017 )

Leapman MS et al, J Clin Oncol 2017; 35: 1898-1904

Uro2017 Onco2017



Indietro