Tumore Vescica
Tumore prostata
Tumore rene
EAU17

Studio KEYNOTE-052: biomarcatori e risposta al trattamento con Pembrolizumab nei pazienti con carcinoma uroteliale avanzato non-trattati con Cisplatino


Pembrolizumab ( Keytruda ) ha indotto risposte clinicamente rilevanti e durature nei pazienti con carcinoma uroteliale avanzato che non erano adatti per il trattamento con Cisplatino, in base ai dati aggiornati sulla sicurezza e sull'efficacia dello studio KEYNOTE-052.

Le comorbidità e la compromissione della funzionalità renale escludono molti pazienti con carcinoma uroteliale avanzato dal ricevere trattamento chemioterapico.

I risultati iniziali dello studio di fase 2 KEYNOTE-052 hanno indicato che Pembrolizumab come prima linea è attivo e sicuro nei pazienti non-eleggibili a base di Cisplatino con carcinoma uroteliale avanzato.

Lo studio KEYNOTE-052 ha coinvolto pazienti con carcinoma uroteliale avanzato che non erano adatti al trattamento con Cisplatino ( stato ECOG 2, clearance della creatinina maggiore o uguale a 30 e minore di 60 mL/min, neuropatia di grado 2 o superiore / perdita uditiva, classe NYHA III ) e che non avevano ricevuto chemioterapia sistemica per la malattia in fase avanzata.

Tutti i pazienti sono stati trattati con 200 mg di Pembrolizumab per via endovenosa ogni tre settimane.

Il tasso di risposta obiettivo ( ORR ) era l'endpoint primario.

E' stata valutata la sicurezza e l'efficacia in 370 pazienti che hanno ricevuto una o più dosi di Pembrolizumab.

Hanno anche analizzato le correlazioni tra un profilo di espressione di espressione genica ( GEP ) a 18 geni e il punteggio combinato positivo ( CPS ) riguardante l'espressione di PD-L1 rilevata mediante esame immunoistochimico con il tasso di risposta obiettiva.

Al punto di cut-off, l'ORR è stato del 29% ( IC 95%, 24-34 ). Risposte complete sono state osservate nel 7% ( n=25 ) dei pazienti; il 22% ( n=81 ) ha presentato risposta parziale.
La malattia stabile è stata ottenuta come risposta migliore per 69 pazienti ( 19% ); il tasso di beneficio clinico è stato del 47%.

Il tempo mediano alla risposta è stato di 2 mesi ( range, 1-5 ). Durante il periodo di follow-up medio di 8 mesi ( range, 0.1-20 ) in tutti i pazienti, la durata mediana della risposta non è stata raggiunta ( range da 1+ a 18+ mesi ), con mantenimento della risposta nella maggioranza dei pazienti ( 74% ).

Sessantotto pazienti e altri 239 hanno riportato di aver presentato un evento avverso farmaco-correlato di qualsiasi grado e di grado 3 o superiore.
In 76 pazienti si sono verificati eventi avversi immuno-mediati.

Coerenti con la biologia dei pathway PD-1, i biomarcatori [ GEP e CPS ] hanno mostrato le tendenze attese di associazione positiva con la risposta a Pembrolizumab. ( Xagena2017 )

Fonte: ASCO ( American Society of Clinical Oncology ) Meeting, 2017

Uro2017 Onco2017 Farma2017


Indietro