Tumore prostata
EAU17
Tumore rene
Tumore Vescica

Tadalafil per la prevenzione della disfunzione erettile dopo la radioterapia per cancro alla prostata


Tadalafil ( Cialis ) è impiegato per trattare la disfunzione erettile dopo trattamento del cancro alla prostata, ma il suo ruolo come agente preventivo non è definito.

Si è determinato in primo luogo se Tadalafil sia in grado di conservare la funzione erettile negli uomini trattati con radioterapia per il cancro alla prostata, e secondariamente se la funzione sessuale globale e la soddisfazione riportata dai partecipanti o dai partner siano state influenzate.

È stato effettuato uno studio stratificato, controllato con placebo, in doppio cieco, a gruppi paralleli, con randomizzazione in un rapporto 1:1 in 76 siti medici negli Stati Uniti e in Canada.
Un totale di 242 partecipanti con funzione erettile intatta assegnati alla radioterapia per il cancro della prostata sono stati reclutati nel periodo 2009-2012, con follow-up fino a marzo 2013.

121 partecipanti sono stati assegnati a ricevere 5 mg di Tadalafil al giorno e 121 sono stati assegnati a placebo per 24 settimane, iniziando con la radioterapia esterna ( 63% ) o la brachiterapia ( 37% ).

La risposta riportata dal partecipante secondo IIEF ( International Index of Erectile Function ) è stata registrata prima della radioterapia e alle settimane 2 e 4, tra le settimane 20 e 24, tra le settimane 28 e 30, e 1 anno dopo.

I partecipanti e i partner hanno risposto anche al Sexual Adjustment Questionnaire ( SAQ ) e al Locke Marital Adjustment Test prima della radioterapia, tra le settimane 20 e 24, tra le settimane 28 e 30, e a 1 anno.

La principale misura di esito era la funzione erettile spontanea senza farmaci da 28 a 30 settimane dopo l’inizio della radioterapia.
Gli endpoint secondari erano l’erezione spontanea a 1 anno; la funzione sessuale e la soddisfazione globale; l’adattamento della coppia; la soddisfazione riportata dal partner; l’adattamento all’interno della coppia tra 28 e 30 settimane a 1 anno, fattori predittivi di risposta a Tadalafil; gli eventi avversi.

Tra i 221 partecipanti valutabili, 80 ( 79% ) assegnati a ricevere Tadalafil hanno conservato la funzione erettile tra le settimane 28 e 30 rispetto a 61 ( 74% ) assegnati a ricevere placebo ( P=0.49 ); una differenza assoluta del 5%.

Non è stata osservata una differenza significativa anche a 1 anno ( 72% vs 71%, P=0.93 ).

Tadalafil non è stato associato a un significativo miglioramento della funzione sessuale o soddisfazione globale; non è stata osservata alcuna differenza significativa in qualsiasi sotto-scala di dominio.

I partner di uomini assegnati a Tadalafil non hanno notato alcun effetto significativo sulla soddisfazione sessuale, e l'adattamento di coppia non è significativamente migliorato nei partecipanti o nei partner.

In conclusione, tra gli uomini sottoposti a radioterapia per il cancro alla prostata, l'uso quotidiano di Tadalafil rispetto al placebo non ha comportato un miglioramento della funzione erettile.
Questi risultati non incoraggiano l'uso quotidiano di Tadalafil per la prevenzione della disfunzione erettile in questi pazienti. ( Xagena2014 )

Pisansky TM et al, JAMA 2014; 311: 1300-1307

Uro2014 Onco2014 Farma2014


Indietro