GSK Infettivologia
Tumore prostata
Forum Infettivologico
Tumore rene

Terapia a ultrasuoni focalizzata guidata dalla risonanza magnetica per pazienti con tumore alla prostata a rischio intermedio


Gli uomini con tumore alla prostata di grado 2 o 3 sono spesso considerati non-idonei per la sorveglianza attiva; alcuni pazienti con tumore prostatico di grado 2 sottoposti a sorveglianza attiva avranno una progressione precoce della malattia che richiede una terapia radicale.

Si è determinato se la terapia a ultrasuoni focalizzata guidata dalla risonanza magnetica possa ridurre in modo sicuro il carico di trattamento per i pazienti con carcinoma alla prostata localizzato di gruppo 2 o 3 a rischio intermedio.

In uno studio di fase 2b a braccio singolo, multicentrico, condotto in 8 Centri sanitari negli Stati Uniti, sono stati reclutati uomini di età pari o superiore a 50 anni con adenocarcinoma prostatico unilaterale, visibile alla risonanza magnetica, primario, a rischio intermedio, non-trattato in precedenza ( antigene prostata-specifico [ PSA ] inferiore o uguale a 20 ng/ml, gruppo di grado 2 o 3; classificazione del tumore minore o uguale a T2 ) confermato su biopsia combinata ( combinando biopsie mirate alla risonanza magnetica e biopsie sistematiche ).

L'energia a ultrasuoni focalizzata guidata dalla risonanza magnetica, titolata in sequenza a temperature sufficienti per l'ablazione dei tessuti ( circa 60-70 °C ), è stata erogata alla lesione indice e a un margine pianificato di 5 mm o più di tessuto normale, utilizzando la termometria a risonanza magnetica in tempo reale per il monitoraggio intraoperatorio.

Gli esiti co-primari erano esiti oncologici ( assenza di tumore di grado 2 e superiore nell'area sottoposta a biopsia combinata a 6 mesi e a 24 mesi; quando i dati della biopsia a 24 mesi non erano disponibili e si era verificato un tumore di grado 2 o superiore nell'area trattata a 6 mesi, i risultati della biopsia a 6 mesi sono stati inclusi nell'analisi finale ) e la sicurezza ( eventi avversi fino a 24 mesi ) in tutti i pazienti arruolati nello studio.

Tra il 2017 e il 2018 sono stati valutati 194 pazienti per l'idoneità e sono stati trattati 101 pazienti con ultrasuoni focalizzati guidati dalla risonanza magnetica.
L'età mediana era di 63 anni e la concentrazione mediana dell'antigene prostatico specifico era di 5.7 ng/ml.
La maggior parte dei tumori era di grado 2 ( 79 su 101, 78% ).

A 24 mesi, 78 uomini su 89 ( 88% ) non avevano evidenza di tumore alla prostata di grado 2 o superiore nell'area trattata.
Non sono stati segnalati eventi avversi correlati al trattamento di grado 4 o 5, ed è stato segnalato solo un evento avverso di grado 3 ( infezione del tratto urinario ).
Non ci sono stati decessi correlati al trattamento.

Gli esiti della biopsia a 24 mesi hanno mostrato che la terapia focale a ultrasuoni focalizzata guidata dalla risonanza magnetica è sicura, ed è in grado di trattare efficacemente il tumore alla prostata di grado 2 o 3.

Questi risultati supportano la terapia focale per pazienti selezionati, e il suo utilizzo in studi comparativi per determinare se un approccio di conservazione dei tessuti sia efficace nel ritardare o eliminare la necessità di un trattamento radicale dell'intera ghiandola a lungo termine. ( Xagena2022 )

Ehdaie B et al, Lancet Oncology 2022; 23: 910-918

Uro2022 Onco2022 Farma2022


Indietro