Genitourinary Cancers Symposium
Tumore Vescica
Tumore Vescica
Xagena Mappa

Terapia neoadiuvante dose-dense con Metotrexato, Vinblastina, Doxorubicina e Cisplatino con supporto di Pegfilgrastim nel carcinoma uroteliale muscolo-invasivo


Nel carcinoma uroteliale avanzato, il trattamento dose-dense con Metotrexato, Vinblastina, Doxorubicina e Cisplatino ( ddMVAC ) si traduce in un tasso di risposta elevato, minore tossicità e meno ritardi di dosaggio.
È stata esaminata l'efficacia e la sicurezza di ddMVAC neoadiuvante con supporto di Pegfilgrastim ( Neulasta ) nel carcinoma uroteliale muscolo-invasivo ( MIUC ).

Sono stati arruolati pazienti con carcinoma uroteliale muscolo-invasivo cT2-CT4, N0-1, M0.
Sono stati somministrati 4 cicli di ddMVAC, seguiti da cistectomia radicale.

L'endpoint primario era la risposta patologica ( PaR ) definita da sottostadiazione patologica minore o uguale a pT1N0M0.

Lo studio ha utilizzato un disegno ottimale a due stadi di Simon per valutare l’ipotesi nulla e l’ipotesi alternativa di tasso di risposta patologica del 35% versus 55%.

Gli endpoint secondari includevano la tossicità, la sopravvivenza libera da malattia, la risposta radiologica ( RaR ) e i biomarcatori correlati, compreso ERCC1.

Nel periodo 2008-2012, sono stati arruolati 39 pazienti ( cT2N0, 33%; cT3N0, 18%; cT4N0, 3%; cT2-4N1, 43%, non-specificati, 3% ).

Il follow-up è stato di 2 anni.

Complessivamente, il 49% ha raggiunto risposta patologica minore o uguale a pT1N0M0, dimostrando che questo regime era efficace.

Sono state osservate tossicità di alto grado ( grado 3 o superiore ) nel 10% dei pazienti, senza febbre neutropenica o morte correlata al trattamento.

La sopravvivenza libera da malattia a 1 anno è stata pari a 89% versus 67% per i pazienti che hanno raggiunto risposta patologica rispetto a coloro che non l’hanno raggiunta ( hazard , HR=2.6; P=0.08 ) e 86% vs 62% per i pazienti che hanno raggiunto risposta radiologica, rispetto a coloro che non l’hanno raggiunta ( HR=4.1; P=0.009 ).

Non è stata trovata alcuna associazione tra marcatori tumorali sierici o espressione di ERCC1 con la risposta o la sopravvivenza.

In conclusione, nei pazienti con tumore uroteliale invasivo della parete muscolare, la terapia neoadiuvante a base di Metotrexato dose-dense, Vinblastina, Doxorubicina e Cisplatino è risultato ben tollerato e ha provocato significative sottostadiazioni patologiche e radiologiche. ( Xagena2014 )

Choueiri TK et al, J Clin Oncol 2014;32 :1889-1894

Onco2014 Uro2014 Farma2014


Indietro