GSK Infettivologia
Tumore prostata
Forum Infettivologico
Tumore Vescica

Uso e durata della terapia della deprivazione androgenica con radioterapia definitiva per cancro alla prostata localizzato


Studi randomizzati hanno studiato varie strategie di intensificazione della terapia di deprivazione androgenica ( ADT ) negli uomini sottoposti a radioterapia per il trattamento del tumore alla prostata.
Una meta-analisi dei dati dei singoli pazienti di studi randomizzati rilevanti ha quantificato il beneficio di questi interventi in forma aggregata e in sottogruppi clinicamente rilevanti.

Per questa meta-analisi sono stati identificati gli studi con risultati pubblicati in inglese tra il 1962 e il 2020. Gli studi randomizzati multicentrici erano ammissi se valutavano l'uso o il prolungamento della terapia ADT o entrambi negli uomini con cancro prostatico localizzato che ricevevano radioterapia definitiva, riportavano o raccoglievano dati di metastasi a distanza e di sopravvivenza e utilizzavano la terapia ADT per una durata finita definita dal protocollo.

È stato possibile accedere alla meta-analisi degli studi randomizzati nel Consorzio MARCAP ( Meta-Analysis of Randomized trials in Cancer of the Prostate ) per ottenere i dati dei singoli pazienti da studi randomizzati.

L'esito primario era la sopravvivenza libera da metastasi ( MFS ).

Gli hazard ratio ( HR ) sono stati ottenuti attraverso modelli Cox stratificati per l'uso della terapia ADT ( solo radioterapia versus radioterapia più terapia ADT ), estensione della terapia ADT neoadiuvante ( estensione della durata totale della terapia ADT nell'impostazione neoadiuvante da 3-4 mesi a 6-9 mesi ) e prolungamento della terapia ADT adiuvante ( prolungamento della durata totale della terapia ADT nell'impostazione adiuvante da 4-6 mesi a 18-36 mesi ).

Sono stati eseguiti test formali di interazione tra gli interventi e la sopravvivenza libera da metastasi per sottogruppi prespecificati definiti dall'età, dal gruppo di rischio del National Comprehensive Cancer Network ( NCCN ) e dalla dose di radioterapia.

La ricerca ha individuato 12 studi ammissibili che hanno fornito dati sui singoli pazienti ( 10.853 pazienti ) con un follow-up mediano di 11.4 anni. L'aggiunta della terapia ADT alla radioterapia ha migliorato significativamente la sopravvivenza libera da metastasi ( HR=0.83, P minore di 0.0001 ), così come il prolungamento della terapia ADT adiuvante ( HR=0.84, P minore di 0.0001 ), ma non l'estensione della terapia ADT neoadiuvante ( HR=0.95, P=0.50 ).
Gli effetti del trattamento sono stati simili indipendentemente dalla dose di radioterapia, dall'età del paziente o dal gruppo di rischio NCCN.

I risultati hanno fornito finora il più alto livello di evidenza sull'entità del beneficio dell'intensificazione del trattamento ADT con radioterapia per gli uomini con tumore alla prostata localizzato.

L'aggiunta della terapia di deprivazione androgenica e il prolungamento della porzione di terapia ADT che segue la radioterapia sono associati a una migliore sopravvivenza libera da metastasi negli uomini, indipendentemente dal gruppo di rischio, dall'età e dalla dose di radioterapia somministrata; tuttavia, l'entità del beneficio potrebbe variare. ( Xagena2022 )

Kishan AU et al, Lancet Oncology 2022; 23: 304-316

Uro2022 Onco2022 Farma2022



Indietro