Tumore prostata
Tumore rene
Tumore Vescica
EAU17

Vescica iperattiva: Botox associato a basso tasso di cateterismo intermittente pulito


Meno del 2% delle iniezioni di OnabotulinumtoxinA ( Botox ), somministrato per iperattività del muscolo detrusore di tipo idiopatica è risultato associato a inserimento di un catetere in vescica ( cateterismo intermittente pulito ), un tasso notevolmente inferiore a quello precedentemente trovato.

Sono stati inclusi due casi di ritenzione urinaria acuta e un caso in cui un paziente lamentava problemi di svuotamento e aveva un volume residuo post-minzionale di 353 ml.
Nel loro insieme, i risultati suggeriscono che il volume residuo post-minzionale post-procedura di solito può essere gestito in modo sicuro con la sola osservazione.

In uno studio registrativo di fase III, OnabotulinumtoxinA per via intravescicale aveva dimostrato di essere sicuro ed efficace nel trattamento della vescica iperattiva associata a iperattività detrusoriale idiopatica, ma fino al 7% dei pazienti ha incontrato i criteri per il cateterismo intermittente pulito, con volume residuo post-evacuazione post-procedurale maggiore di 350 ml, o disturbi soggettivi di svuotamento e residuo post-minzionale superiore a 200 ml.

Ma questi criteri rigorosi contrastano con la pratica del mondo reale, in cui i pazienti con volume residuo post-minzionale postprocedurale spesso vengono osservati senza cateterismo intermittente pulito a meno che non presentino disturbi soggettivi o altre controindicazioni.
La discrepanza è particolarmente rilevante per il fatto che i pazienti con vescica iperattiva che rifiutano OnabotulinumtoxinA citano spesso, come motivazione, il rischio di cateterismo intermittente pulito.

Per meglio capire i tassi di cateterismo intermittente pultio al Cedars-Sinai ( Los Angeles; Stati Uniti ), i ricercatori hanno esaminato 27 mesi di cartelle cliniche di pazienti con iperattività idiopatica del muscolo detrusore che hanno ricevuto iniezioni di 100 unità di OnabotulinumtoxinA.
I pazienti sono stati seguiti immediatamente e dopo 2 settimane, ma sono stati sottoposti a cateterismo intermittente pulito solo se non potevano svuotare la vescica o avevano residuo post-minzionale superiore a 350 ml e disturbi soggettivi di svuotamento.

In tutto, 99 pazienti hanno ricevuto un totale di 187 iniezioni, di cui solo 3 ( 1.6% ) hanno portato alla ritenzione urinaria con richiesta di cateterismo intermittente pulito.
Il residuo post-minzionale post-intervento, mediano, è stato pari a 117 mL.
Circa tre quarti dei pazienti ha presentato residuo post-minzionale inferiore a 200 ml, 29 ( 16% ) compreso tra 200 e 350 ml e 13 ( 7% ) avevano residuo post-minzionale superiore a 350 ml.

L'età, l’indice di massa corporea ( BMI ), e il residuo post-minzionale pre-procedura non hanno predetto la ritenzione urinaria nell'analisi univariata.

I risultati hanno fornito elementi a supporto della pratica di tenere sotto osservazione i pazienti con residui post-minzionali elevati dopo Botox, fintanto che non si sviluppino sintomi ostruttivi.

Dallo studio è emerso che è importante consigliare i pazienti sul rischio di ritenzione urinaria dopo l'iniezione di Botox per iperattività idiopatica del muscolo detrusore, mentre i pazienti possono essere rassicurati sul fatto che il tasso di ritenzione che richiede cateterismo intermittente pulito è relativamente basso. ( Xagena2016 )

Fonte: Pelvic Floor Disorder Week, 2016

Uro2016 Farma2016


Indietro